Paesaggio terrazzato dall’Astico al Brenta

21.06.2018

Convegni, mostre, seminari, camminate, tavole rotonde, degustazioni, addirittura festival e mercatini. Saranno numerose le occasioni per conoscere ed approfondire il “Paesaggio terrazzato dall’Astico al Brenta”, in programma da giugno ad ottobre, grazie al progetto firmato dal Gruppo storico archeologico “Marostica Archeologia” e dall’Associazione Terrazzi-Amo, in collaborazione con Associazione Modo Rurale e Ecomuseo della Paglia nella Tradizione Contadina/Associazione Terra e Vita.

I terrazzamenti (masiere) sono un paesaggio che contraddistingue anche il territorio della Pedemontana, frutto dell’operosità dell’uomo e della necessità di strappare alla collina lo spazio necessario per le coltivazioni di sopravvivenza. Immagine di un’agricoltura dura e difficile e della generosità e laboriosità del mondo agricolo, spesso dimenticati o ridotti a puro manufatto, il progetto vuole fare conoscere, promuovere e rigenerare i terrazzamenti, in una nuova veste di ricchezza del territorio e non solo come luogo per le coltivazioni.

Il terrazzamento rappresenta quindi una sorta di memoria collettiva della comunità che ha abitato quel territorio, una struttura che contiene, depositati come i sassi, i “saperi lenti” della collettività, le innovazioni e le buone tradizioni che hanno plasmato, zona per zona, in relazione alle disponibilità litiche, alle tipologie di pendenze, ai climi, alle necessità agronomiche, le diverse masiere, uniche e irripetibili per ciascun luogo. Una sorta di Bene Comune.

Istituzioni, realtà imprenditoriali, tecnici ed esperti, espressione del territorio terrazzato della Val d’Astico, del Marosticense e della Val Brenta, animeranno quindi una serie coordinata di eventi alla (ri)-scoperta di questo paesaggio, valorizzandolo e proponendolo sotto diverse luci, allo scopo di veicolarne i valori storici, colturali – ambientali e della fruizione del territorio (il programma degli eventi è consultabile qui).

Il primo, importante appuntamento è il convegno “I terrazzamenti dall’Astico alla Brenta” di sabato 23 giugno (dalle 9.15) al Castello Inferiore di Marostica, con il saluto del sindaco di Marostica Matteo Mozzo e di Antonio Parise, presidente Associazione Marostica Archeologia. […] Sul tema, sempre sabato 23 giugno, l’inaugurazione di due mostre, visitabili fino all’11 luglio: alla Chiesetta San Marco, “Nuova vita del territorio terrazzato”, con l’esposizione di prodotti ed esperienze in atto (ore 16.00, con Pierangelo Miola dell’Unità Organizzativa Forestale Ovest Regione Veneto); e al Castello Inferiore,  “Un mondo di paesaggi terrazzati”, che riprende l’importante mostra regionale “Terraced Landscapes | Choosing the future (Venezia 2016)”  con l’animazione Social Streaming dei paesaggi terrazzati (ore 17.00, con Donatella Murtas di ITLA).  Alle 18, visita guidata “emozionale” al Castello Inferiore a cura di Mario Scuro e Alberto Mattarucco, con accompagnamento musicale e costumi d’epoca.

Gli appuntamenti del mese di giugno si concludono con le tavole rotonde, seguite da degustazione, di martedì 26 giugno (ore 20.30-22.30) sui temi “Nuove opportunità con i prodotti DOP-IGP-DOC del territorio”, con l’intervento degli operatori agricoli Giuseppe Zuech e Maria Rita Frison e di Stefano Lovat di terrazzi_AMO come moderatore; e sabato 30 giugno (ore 10.00) con “L’accoglienza turistica nel territorio marosticense” e gli interventi di Flavio Rodighiero (Presidente Destination Management Organization Padova), Cinzia Battistello (Associazione Pro Marostica), Teresa Dardo (terrazzi_AMO).